venerdì 10 marzo 2017

CRISTO, UNO CON IL PADRE

La Bibbia ci insegna che il Signore Gesù ed il Padre sono uno.
Nel Principio era la Parola (o Verbo), e la Parola era Dio.

Il cielo e la terra vennero creati mediante la Parola.
La gloria che Iddio aveva sin dal principio, l'inaccessibile gloria di Dio, era anche la gloria del Figlio.
Il Padre ed il Figlio (insieme allo Spirito Santo) coesistono e sono uguali in potenza e signoria.

Fra il Padre ed il Figlio c'è una differenza soltanto come persone; questa non è una differenza di natura o essenza, ma è puramente una disposizione interna, in seno alla divinità: "Io ed il Padre siamo uno!" (Giovanni 10:30).

lunedì 23 novembre 2009

GENEALOGIA DELLA NASCITA DI GESÙ

A prima vista questa lista sembra essere un elenco di persone sconosciute, tranne per qualche personaggio (come Abramo, Isacco, Giacobbe, Davide, Salomone), ed in fondo lo è, poiché gran parte di coloro che sono citati non sono famosi e non esistono né scritti o altro che attestino chi realmente essi fossero.  La lista che Matteo scrive sembra essere senza senso e senza alcun significato.

mercoledì 21 ottobre 2009

LA GARANZIA DEL CREDENTE

Se una persona qualsiasi direbbe in pubblico che lui è sicuro che Cristo gli dia la salvezza eterna, gli altri, da parte loro, diranno di sicuro che egli è una persona molto presuntuosa.
Ma non è certamente un’affermazione audace nel confidare in Gesù se una persona sa di non avere nulla di buono in sé stesso? Non è una forma d’orgoglio preferibile da evitare? No! Poiché lo Spirito Santo agisce sul credente proprio in maniera di fargli ammettere i suoi errori, nel fargli riconoscere che tutto ciò che Dio dice è vero e far sì che creda nella salvezza del sacrificio di Cristo.

martedì 13 gennaio 2009

È GIUSTO PRATICARE LO SPIRITISMO?

Nel mondo è in aumento il numero di coloro che si rivolgono all’occulto per ricevere una risposta alle domande che si pongono. Forse perché le loro guide spirituali o le loro religioni non forniscono le risposte necessarie alle loro aspettative di fede o perché desiderano sapere un qualcosa sul proprio futuro. Infatti, molti si rivolgono a chiromanti e astrologi proprio per sapere qualcosa in più sulla propria vita personale, sulla possibilità di avere una maggiore fortuna dal punto di vista economico, sentimentale e sociale. È normale che un essere umano si preoccupi del proprio futuro ed è anche giusto che cerchi in qualche modo una possibilità di poter programmare le proprie aspettative e muoversi affinché esse possano venire a crearsi. Ma sorge una domanda che, nella stragrande maggioranza delle volte, le persone non si pongono: "Il praticare le arti occulte, lo spiritismo o la divinazione è approvato da Dio?"

martedì 8 aprile 2008

Dal sabato alla domenica

DAL SABATO ALLA DOMENICA

Nel racconto della creazione riportato in Genesi 2:2 la Bibbia dice: “Dio nel settimo giorno smise ogni suo lavoro”. La parola ebraica smise שבת si dice Shabbat e proviene dal verbo ebraico shabat, che significa, letteralmente, smettere, inteso come smettere di compiere alcune azioni. Sebbene "Shabbat" o la sua versione anglicizzata "Sabbath" siano universalmente tradotti come "riposo" o "tempo del riposo", una traduzione più letterale sarebbe "lo smettere" con l'induzione a "smettere di lavorare".

Studio biblico basato su: Luca 18:18-30

Il denaro può aiutare a comprare la vita eterna?

Nonostante il trascorrere dei secoli e dei millenni, c’è una cosa che ha sempre accumulato ogni periodo della storia umana: l’amore per il potere e per il denaro!
Ancor oggi che il mondo sembra aver compreso dagli errori delle passate generazioni, con il suo modo di fare dimostra che tutto ciò che si è verificato dall’inizio della comparsa dell’uomo sulla terra fino ai giorni nostri non è stata una lezione assimilata. Perché oggi, che il mondo sembra aver creato tutto per il benessere delle genti, proprio coloro che dovrebbero accontentarsi di ciò che hanno, dimostrano di desiderare ardentemente tutto ciò di cui non sono ancora in possesso.

mercoledì 2 aprile 2008

UN MESSAGGIO DI LIBERAZIONE

Il programma di Gesù - Il battesimo di Gesù

Un giorno Gesù lasciò sua madre, i suoi fratelli e la sua casa per andare al fiume Giordano e andò ad incontrare Giovanni detto il battista. Il Vangelo di Luca dichiara che i due erano cugini. Sul posto vi era molta gente che chiedeva consigli e pronta a farsi battezzare. Gesù conosce alcuni che sarebbero divenuti suoi amici ed apostoli. Gesù e Giovanni suo cugino devono aver parlato molto insieme e, dal modo in cui Gesù parlava di Dio e del tanto atteso Messia, Giovanni si era accorto che era molto più vicino a Dio di quanto non lo fosse lui personalmente. Ecco perché il giorno in cui Gesù chiese di essere battezzato lui voleva rifiutarsi.

domenica 30 marzo 2008

IL RACCONTO DI ADAMO ED EVA - La Genesi.

I primi tre libri della Bibbia racchiudono il più grande significato dell’intera Scrittura. In essi sono racchiusi evidenti verità che danno risposta alle domande che da sempre l’uomo si è posto sull’origine della vita e del perché di essa.
Questi tre capitoli sono anche un esempio straordinario di letteratura che sostiene la fede del credente, ebreo, musulmano o cristiano che sia: la fede nell’esistenza di unico Dio.
Infatti, l’Antico Testamento presenta fin dal suo inizio un solo ed unico Dio, Jahvè, creatore di tutte le cose, onnipotente, onnisciente ed eterno.

DA QUESTO RICONOSCERANNO CHE SIETE MIEI DISCEPOLI, SE AVETE AMORE L'UNO CON l'ALTRO. Giovanni13:35.

"Amore", una parola che racchiude tutto lo scibile divino. Il dizionario di lingua italiana riporta: affetto intenso, sentimento di profonda tenerezza o devozione; ma il significato più pieno lo spiega la Bibbia, infatti, Essa esprime bene il concetto ed il significato pieno che tale parola racchiude. Gesù nel dire le parole riportate da Giovanni 13:35 intendeva far comprendere che l’amore è una qualità molto importante, tanto importante che avrebbe permesso di distinguere i veri cristiani.
L’apostolo Giovanni, molto caro al Signore, riporta una serie di versetti nel vangelo e nelle lettere da lui scritte sotto ispirazione che parlano di tale argomento.

mercoledì 26 marzo 2008

STUDIO BIBLICO BASATO SU' - Giacomo 1:22.

Siate praticanti della Parola e non soltanto uditori, illudendo voi stessi.
La Parola di Dio è un libro dove sono contenute verità incontestabili e, grazie agli esempi in Essa riportata, possiamo trarre dei grandi benefici.
Chi non ricorda i miracoli operati dal Signore nell’antico Egitto? Essi sono opere memorabili e chi non ha mai sentito parlare delle dieci piaghe che Dio mandò al tempo di Mosè? Esse suscitarono timore e soggezione nelle genti e quei flagelli furono seguiti dalla meravigliosa liberazione del popolo d’Israele attraverso le acque del Mar Rosso. (Esodo capitoli da 7 a 12 e capitolo 14:21-31; Deuteronomio 34:10-12).
Molti forse avrebbero desiderato essere lì in quel momento e poter vedere e toccare con mano i miracoli operati da Dio e poter così elevare delle lodi maggiori.

LA RESURREZIONE DI LAZZARO - Giovanni 11:1-45

Lettura del Vangelo di Giovanni 11:1-45

Lazzaro, un amico di Gesù che abitava nella cittadina di Betania, morì a causa della malattia che lo colpì gravemente. Le sorelle di Lazzaro fecero avvisare Gesù di quanto accaduto. (vv.1-3)
Gesù non si trovava nelle vicinanze di Betania, anzi distava a circa due giorni di viaggio da tale luogo e, al momento che gli diedero la triste notizia, Gesù come si comportò? La Scrittura dice che si trattenne ancora due giorni nel luogo dove si trovava e poi partì alla volta della Giudea. (vv. 6,7) Impiegò altri due giorni per giungere a destinazione. Quindi possiamo dire che arrivò alla tomba di Lazzaro quattro giorni dopo la sua dipartita. (v.17)
Questo è un dato di fatto molto importante, perché sottolinea la potenza del Signore.

AVVICINIAMOCI A DIO PADRE AMOREVOLMENTE – Matteo 3:16,17.

La parola ‘padre’
per centinaia e migliaia di anni ha sempre avuto un significato importante nella vita degli uomini. Un padre amorevole aiuta i suoi figli in ogni circostanza ed è presente in ogni occasione e ogni loro attività fino a farli divenire a loro volta altrettanti padri amorevoli.
In maniera appropriata anche Gesù chiamò Dio "Padre" nella splendida preghiera del Padre nostro descritta nel libro di Matteo 6:9.
Ma che tipo di Padre è Dio? prendiamo in esame proprio le parole che Dio rivolse a Gesù nell’occasione del suo battesimo.
Tutti sanno che Gesù si portò al fiume Giordano per essere battezzato e "Gesù, appena fu battezzato, salì fuori dall’acqua; ed ecco che i cieli si aprirono ed egli vide lo Spirito di Dio scendere come una colomba e venire su di lui. Ed ecco una voce dai cieli che disse: "Questi è il mio diletto Figlio nel quale mi sono compiaciuto". (Matteo 3:16,17)